AVERY DENNISON: congestione in corso

Avery Dennison Corporation (AVY) è un’azienda californiana produttrice e distributrice di etichette adesive per indirizzi, cartoleria e alti prodotti di carta. In dieci anni ha quasi decuplicato il suo valore borsistico e si può considerare come uno di quei titoli “difensivi ma non troppo”. I drawdown infatti non sono mancati, si pensi a quello del 2018 e poi a quello del 2020, ma c’è sempre stata la capacità di recuperare. A Marzo 2020 dopo il panico dovuto al Covid si è originata una bella gamba rialzista con il prezzo che poi a Maggio 2021 si è arrestato prendendosi una lunga pausa. La zona di congestione laterale è di quelle quasi da manuale: tre rialzi alternati ad altrettanti ritracciamenti. Tutti abbastanza precisi. Un triplo massimo sui 230 $, ed un’area di supporto tra i 195 e i 205 $. I trading range sono sempre destinati a risolversi: per questo Avery Dennison va monitorata da vicino. Il livello al quale si potrebbe pensare ad un acquisto è sopra i 240 $. Più prudentemente, sopra i 250 $. Questo perchè è sempre attuale il rischio di fake breakout. Sotto ai 190 $ invece potrebbe aprirsi anche una piccola voragine, o comunque si prospetterebbero periodi sofferti per il titolo. E’ importante a tal proposito seguire anche l’evoluzione dell’Ema a 200 giorni che il 1 e il 2 dicembre ha egregiamente fatto da sostegno al prezzo. Finchè AVY rimbalza in questo trading range come dentro a un flipper io sconsiglierei di operare, anche perchè non credo che questa situazione transitoria si protrarrà a lungo.

Simone Cunegondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *