PIRELLI: bella ma mi aspetto una correzione

Non ha bisogno di presentazioni Pirelli, tornata sul listino ormai dal 2017 e dunque già in possesso di uno storico soddisfacente. Da fine Gennaio 2018 a Marzo 2020 è andata decisamente male, un downtrend che sembrava non finire mai e che si è poi invertito all’improvviso. Da allora è in atto un trend rialzista che sta ormai avvicinando il titolo ai massimi di Gennaio 2018 (7,26 €). Ieri ha chiuso a 6,67 €. Ci sono ancora 10 punti percentuali da conquistare, che non sono pochi, ma credo che questo non sia il momento adatto per acquistare in quanto il prezzo ha appena toccato per la terza volta (tra l’altro anche con una buona regolarità temporale) la parte alta del canale. Per dirla in termini meno tecnici, è molto tirato ed ora è più che lecito aspettarsi una correzione. Lo spazio è dunque tutto al ribasso, poi bisogna vedere quanto ritraccerà. Io mi attendo che possa tornare a quota 6,00 €. Da lì poi probabilmente partirà l’assalto al massimo storico, con uno spazio rialzista che sarà però del 20% dunque molto più ghiotto. Ricordo che stiamo parlando di un titolo considerato quasi difensivo. Non ci farà diventare ricchi ma non ci lascerà nemmeno in braghe di tela. Fare previsioni riguardo al livello su cui entrare long è prematuro. L’entità della correzione è tutta da verificare. Non è detto che scenda fino a 6,00 €, così come potrebbe spingersi più sotto. L’unica cosa che mi sento di ribadire è di avere un pò di pazienza.

Simone Cunegondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *